25 maggio 2018
Diventa SmartTrader Abbonati
Accesso riservato
  Recupera dati accesso
Login login
Clippings menù
  Per inserire un articolo cliccare sull'icona Clipping accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
Clip login
Gli articoli più letti:
febbraio 2018 gennaio 2018 dicembre 2017
La situazione del palladio secondo il CoT Report
di redazione - 09/05/2018
Da alcune settimane il palladio ha raggiunto una condizione compatibile in teoria con un significativo punto di svolta a portata di mano; stando almeno al CoT Index, ancora superiore ai 100 punti. Il TD Level invece appare attardato su questo fronte. Esaminando storicamente il metallo in questione, però, emerge come il conseguimento di una avvenuta accumulazione...
 
Piazza Affari: c'è poco da stare allegri, ma non tutto è perduto
di redazione - 25/05/2018
«Quando il rapporto SX5E/SPX ha svoltato verso l’alto, il “CESI” non ha seguito. Questo spunto non è stato confortato dai fondamentali, gli investitori hanno mangiato la foglia, e sono tornati a vendere le borse europee, preferendo Wall Street. È chiaro che se dall’Europa non parte un flusso di dati confortante, la sottoperformance continuerà a scavare.(segue)
Un assaggio di stagionalità sullo Svizzero
di redazione Forex - 24/05/2018
L’ultima decade ha visto praticamente sempre vincente il sell UsdChf nel mese di giugno. Rimandiamo all’analisi della stagionalità che come di consueto presenteremo lunedì su Strategie Valutarie, ma certamente anche le condizioni tecniche che stanno maturando sembrerebbero confermare come un ulteriore spunto bullish del biglietto verde sopra la parità...(segue)
Il ritorno della volatilità a Wall Street
di Bernie Schaeffer - 24/05/2018
Lo scorso anno, di questi tempi, soltanto tre volte lo S&P aveva fatto registrare un saldo giornaliero in valore assoluto superiore al punto percentuale. Una palese assurdità. Quest'anno le cose procedono diversamente: al 18 maggio, le sedute "volatili" sono state già ben 32: una in più dell'intera statistica del 2016, il dato più elevato addirittura dal 2009. Oggi esaminerò le implicazioni...(segue)
Il punto tecnico sulla situazione del Cacao
di redazione - 23/05/2018
Un sottoscrittore del CoT Index Report questa mattina ha chiesto lumi in merito alla condizione tecnica del cacao, con particolare riferimento al posizionamento degli investitori istituzionali. Il CoT Index Report riporta il saldo netto dei Commercial, dei fondi speculativi e dei piccoli investitori; segnalando situazioni di particolare tensione. Come quella...(segue)
Borse emergenti: è tempo di rientrare?
di Alvin A. River - 23/05/2018
I cambi emergenti vivono un momento di liquidazione che in alcuni caso sfonfina nel panico dilagante e incontrollato. L'indice JP Morgan delle Emerging Currency è in caduta libera, ai minimi degli ultimi tredici mesi, e non accenna a trovare fondo. Come spiegato in modo esemplare negli ultimi giorni sul Rapporto Giornaliero, per un investitore il fattore cambio è determinante...(segue)
Quando tornare a comprare Corporate bond "HY"?
di Gaetano Evangelista - 22/05/2018
Il mercato dei corporate bond europei ad alto rendimento, risponde molto bene ai segnali dell'analisi tecnica di lungo periodo. Ad inizio 2016, quando le turbolenze imperversavano, il Risk-adjusted Yield (RAY) si spingeva sopra i +5 punti, segnalando una condizione di ipercomprato di lungo periodo, che difatti di lì a breve favorì la svolta verso il basso dello yield...(segue)
Valute asiatiche ad un crocevia
di redazione Forex - 22/05/2018
Il Bloomberg FX Carry trade Asian Currencies è un indice creato da Bloomberg per esprimere il rendimento total return (contro Usd) di un investimento in 4 valute asiatiche equipesate (Rupia indiana, Rupia indonesiana, Peso filippino e Bath tailandese). Come per le divise LATAM commentate qualche settimane fa, anche per queste quattro divise asiatiche è stato...(segue)
Poche opzioni put rispetto alle call
di Bernie Schaeffer - 21/05/2018
Mentre il Russell 2000 si è prodotto nel conseguimento di un nuovo massimo storico, lo S&P è rimasto abbastanza sulle sue; di fatto, la scorsa ottava ha perso terreno. Dopo un inizio promettente, la settimana passata è stata negativamente condizionata dalla crescita dei tassi di interesse oltre il 3%, e sopra il picco di fine aprile. Penso che lo smantellamento...(segue)
Ridurre o modificare l'asset allocation?
di Alvin A. River - 21/05/2018
Quanto c'é di vero nell'affermazione secondo cui il rallentamento congiunturale rischia di far deragliare il bull market in essere ininterrottamente da nove anni? è vero che è giunto il momento di compiere variazioni nel portafoglio, non tanto nella esposizione al rischio, quanto nella scelta dei settori da sovra e sotto pesare? la tabella che propongo oggi risponde a questi interrogativi.(segue)
L’Europa col raffreddore. E qualche linea di febbre...
di Gaetano Evangelista - 18/05/2018
Dietro l’apparente serenità, c’è nervosismo fra i responsabili della politica economica europea. Dopo il picco di dicembre, il PMI manifatturiero è sceso per quattro mesi consecutivi: su livelli tale da garantire ancora una vistosa crescita, naturalmente; ma non così vigoroso come sperimentato fino alla fine del 2017. Questo rallentamento, fino ad un certo punto fisiologico, è stato...(segue)
Tena koutou, katoa!
di redazione Forex - 17/05/2018
Non siamo impazziti ma questo è il modo con cui la Banca Centrale neozelandese introduce ogni suo rapporto successivo il meeting di politica monetaria. In lingua maori significa infatti benvenuti a tutti voi. Chiusa questa esotica parentesi linguistica andiamo a vedere per quale motivo la divisa neozelandese, altresì chiamata kiwi dagli addetti ai lavori, ha preso non certamente bene...(segue)
Cosa aspettarci fino alle prossime elezioni
di Bernie Schaeffer - 17/05/2018
Mancano meno di sei mesi alle elezioni di medio termine. Saranno rinnovati tutti i seggi della Camera, e circa 1/3 dei seggi del Senato. Le previsioni indicano che i democratici faranno significativi passi in avanti; ma non mi volevo soffermare su questo. Oggi mi vorrei occupare dell'andamento più probabile da qui all'inizio di novembre. Sappiamo che solitamente...(segue)
La Fed conduce l'economia USA verso la recessione
di Gaetano Evangelista - 16/05/2018
La Federal Reserve promette ulteriori interventi sul fronte dei tassi di interesse: tre aumenti quest'anno, e altrettanti nel 2019. La politica monetaria USA passerà da "più restrittiva" a "restrittiva" tout court. O lo è già? la figura che proponiamo oggi, già vista nelle precedenti edizioni degli Outlook di AGE Italia, mostra il Fed Funds rate da trent'anni ben racchiuso...(segue)
Quando il Margin Debt affossa il mercato
di Alvin A. River - 16/05/2018
Da anni fa notizia la crescita del cosiddetto "Margin Debt": l'indebitamento contratto dagli investitori con il proprio intermediario, con la finalità di comprare sul mercato azioni "a leva". In realtà la dinamica è fisiologica, perché riflette la contestuale crescita della capitalizzazione di mercato. Al solito, queste variabili sono rilevanti solo quando proposte in termini relativi...(segue)
Franco svizzero, il bene rifugio che non c’è più
di redazione Forex - 15/05/2018
Franco svizzero che comincia ad interessare quegli investitori italiani che temono l’instabilità dell’Euro anche e soprattutto per effetto della situazione politica nazionale. Il Cot Fx sta evidenziando qualche eccesso di sentiment negativo verso il Franco che, combinato al test della corposa (e psicologica) resistenza di 1.20, potrebbe anticipare una fase di stallo nel rialzo...(segue)
Perché siamo ancora ribassisti (II Parte)
di Charlie Minter - 15/05/2018
Sono passati sette anni da quando la National Commission On Fiscal Responsibility and Reform (nota anche come Commissione Simpson-Boles) pubblicò il suo rapporto. L’ex senatore Alan Simpson di recente ha sottolineato che il debito pubblico è aumentato di 7 trilioni di dollari negli ultimi sette anni. L’accusa è netta: entrambi i partiti hanno abdicato alle rispettive responsabilità...(segue)
Il conflitto legato al triangolo di Wall Street
di Bernie Schaeffer - 14/05/2018
I principali indici hanno sperimentato un rimbalzo la passata ottava, assecondando la teoria che vede il mercato brillare, nelle settimane successive ad un FOMC che si conclude con un nulla di fatto sul fronte dei tassi di interesse. Al contrario, quando la Fed aumenta i tassi, come occorso lo scorso 21 marzo, il mercato maldigerisce la notizia. Alla fine, l'operato della banca centrale...(segue)
Resta un problema di qualità del rimbalzo
di Gaetano Evangelista - 14/05/2018
Wall Street vive come calata in un limbo. Ad un mese di gennaio euforico, è seguita una pesante correzione, e poi nulla di significativo: oscillazioni in un senso e nell’altro, senza precisa direzione. I supporti hanno retto, le resistenze non sono state nuovamente avvicinate. E fra i Tori serpeggia un malcelato nervosismo: come mai, se questa è soltanto una correzione, non siamo già...(segue)
Corona norvegese per proteggersi dalle turbolenze?
di redazione Forex - 11/05/2018
Con il Dollaro in rafforzamento potrebbero tornare ad essere interessanti in termini di arbitraggio valute che hanno vissuto le ultime settimane in debolezza. È il caso di UsdNok. Riproponiamo il grafico di UsdNok su scala trimestrale. Esiste infatti un ciclo temporale fantastico che da decenni intercetta massimi alternati a minimi. Nell'ultima circostanza UsdNok toccò un massimo.(segue)
È il momento di uscire dai bond EM?
di Alvin A. River - 11/05/2018
La svalutazione delle monete emergenti sta appesantendo le performance sui mercati EM: azionari, e obbligazionari. I bond emergenti ci mettono del loro, con un tendenziale aumento degli spread rispetto ai titoli occidentali, che fanno correre brividi lungo la schiena. Tuttavia, l'aspetto decisivo è rappresentando dal rapporto di cambio. Se teniamo conto delle (ricche) cedole...(segue)
I ritorni di Wall Street per scaglioni di spread
di Bernie Schaeffer - 10/05/2018
I Treasury di recente hanno fatto notizia, nel momento in cui lo yield del Decennale si è spinto oltre il 3.0%: per la prima volta da inizio 2014. I tassi di interesse a breve scadenza sono saliti ancor di più. Lo spread fra 10 e 2 anni si è ristretto al livello più contenuto dalla fine del 2007: subito prima del crash del 2008. Oggi mi soffermerò sulle conseguenze per il mercato...(segue)
Perché siamo ancora ribassisti (I Parte)
di Charlie Minter - 10/05/2018
Abbiamo espresso diverse volte nel passato le ragioni per cui sul mercato azionario restiamo più ribassisti che mai. In poche parole, le nostre ragioni poggiano sugli effetti negativi della politica dei tassi ufficiali azzerati, sui tassi negativi in Europa e Giappone, e sulla transizione in atto dal Quantitative Easing al Quantitative Tightening. Senza considerare che il rapporto fra...(segue)