23 febbraio 2018
Diventa SmartTrader Abbonati
Accesso riservato
  Recupera dati accesso
Login login
Clippings menù
  Per inserire un articolo cliccare sull'icona Clipping accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
Clip login
Gli articoli più letti:
febbraio 2018 gennaio 2018 dicembre 2017
Conviene investire sulle BEI in rubli?
di redazione Forex - 05/02/2018
Come bene sanno gli abbonati di Strategie Valutarie la nostra view alquanto tiepida sul Rublo è datata. Proprio due settimane fa abbiamo analizzato il cambio EurRub e dal punto di vista tecnico c’erano pochi dubbi sul fatto che il supporto di area 67, combinato alla media mobile a 200 giorni, avrebbe quanto meno prodotto un rimbalzo verso area 71. Movimento che...
 
Attesa più volatilità: scetticismo sul futuro di Piazza Affari
di redazione - 22/02/2018
«Nessuno sa, con ragionevole certezza, qual è il livello di costo del denaro oltre il quale le borse andrebbero in sofferenza. Viviamo quello che gli economisti chiamano il “Paradosso di Gibson”: tassi di interesse e mercati azionari manifestano una correlazione positiva. Questo processo è destinato ad esaurirsi, ma nessuno sa quando. E ciò genera incertezza».(segue)
Il barometro del mercato valutario
di redazione Forex - 22/02/2018
Entriamo nel mese di marzo con situazioni estreme in termini di sentiment pressoché assenti, salvo qualche eccesso che si ravvisa proprio sulla moneta unica europea nei confronti del Dollaro americano. Nulla da far pensare ad un immediato ribaltamento di fronte, ma certamente un freno alle potenzialità dell’Euro nel breve termine che già stiamo vedendo negli ultimi giorni.(segue)
Perché il Rand è destinato a crescere ancora
di Alvin A. River - 21/02/2018
Fra le tante domande che quotidianamente giungono in redazione, ce n'é una che stamattina mi ha intrigato: le prospettive del Rand sudafricano, all'indomani delle dimissioni del presidente Zuma. Non voglio sovrappormi al lavoro dei colleghi - Gaetano Evangelista ieri si è soffermato sull'andamento del mercato azionario locale, mentre il collega cambista risponderà nel merito...(segue)
La Cina prescrive l'acquisto di Treasury
di Gaetano Evangelista - 21/02/2018
Qualche giorno fa, sulle pagine del Rapporto Giornaliero, ci siamo occupati di un curioso fenomeno: la contrazione degli spread fra i bond governativi cinesi e i Treasury americani. Il premio pagato da Pechino sui titoli di Stato USA si è contratto a 100 punti base: appena un punto percentuale in più, rispetto ai T-Note. Un fenomeno che spiega abbondantemente il recente andamento...(segue)
Una pausa ristoratrice dopo il recente rally
di Bernie Schaeffer - 20/02/2018
A giudicare dall'andamento del mercato della passata ottava, si direbbe che l'andamento del mercato delle opzioni sull'indice abbia ancora una volta condizionato la direzionalità del mercato azionario. Lo S&P si è mosso non poco, dopo il massimo del 26 gennaio, muovendosi di 540 punti da massimo a minimo, e poi da minimo alla chiusura della passata ottava.(segue)
Riscossa di breve per Dollaro calante
di redazione Forex - 20/02/2018
Tra i trade più affollati a Wall Street nel mese di febbraio lo short Dollaro ha trovato certamente una posizione di rilievo. Se a gennaio, secondo il sondaggio mensile stilato da Bank of America tra i gestori di fondi, era stato lo short volatility il più gettonato (ed infatti il Vix è esploso per la gioia dei contrarian), chissà se l’uniformità di vedute sullo short Usd apparsa a febbraio anticiperà...(segue)
La liquidità salverà il mondo?
di Alvin A. River - 19/02/2018
Anche se la Fed sta aumentando il ritmo mensile del disimpegno dal programma di acquisti noti come "QEn" (i tre round di Quantitative Easing); la Bank of Japan sta acquistando sempre meno titoli, e la Banca Centrale Europea fra poco più di sei mesi porrà fine al suo APP; la base monetaria, vale a dire, lo stock di moneta in circolazione, rimane considerevole; perlomeno...(segue)
Che bel colpo sul Litecoin!
di redazione Forex - 16/02/2018
Nell’ultimo Bit Report pubblicato mercoledì 7 febbraio abbiamo espresso una decisa preferenza per Litecoin chiudendo in modo perentorio: «Tecnicamente Litecoin appare una delle criptovalute più interessanti». In quel momento il prezzo di Litecoin era di 105 Eur, ora siamo oltre 170 Eur: un bel +60% in un silenzio mediatico sulle criptovalute che fa ben sperare anche per le prossime settimane.(segue)
Freaky Friday a Wall Street
di Gaetano Evangelista - 15/02/2018
Di tanto in tanto danno in TV un film di una quindicina di anni fa, in cui una ancora deliziosa Lindsay Lohan si sostituisce in personalità alla attempata e posata genitrice, che d’un tratto diventa scapestrata e amante del rock come succede quasi sempre ai teenager. Il tutto nell’imminenza di un matrimonio che rischia di andare all’aria. Che fine settimana turbolento!(segue)
Cosa aspettarsi dopo il tonfo della settimana scorsa
di Bernie Schaeffer - 15/02/2018
Mentre lo S&P500 riconquista la soglia dei 2700 punti, l'attenzione dei più resta catturata dal tonfo della settimana passata, che ha prodotto un ripiegamento del 10% dai massimi. La domanda ricorrente è se questo tonfo, maturato subito dopo il conseguimento di un nuovo massimo assoluto, rappresenti l'inizio di un crollo, o se si tratta dell'ennesima opportunità...(segue)
Rotazione valutaria nel mondo emerging bond
di redazione Forex - 14/02/2018
Uno dei nostri trade preferiti sul mercato valutario emergente è stato negli ultimi mesi quello di andare lunghi di Peso messicano lasciando perdere il Rublo russo. Obiettivamente deludente a dicembre, questo cross molto particolare (MxnRub) sta mostrando da inizio anno una tendenza  ascendente che sta adesso accelerando e soprattutto invertendo rotta...(segue)
E tutti i gestori corsero a coprirsi le spalle...
di Alvin A. River - 14/02/2018
Giungono sempre indicazioni interessante dal sondaggio mensile condotto fra i money manager globali da BofA Merrill Lynch. Lo scossone subito dalle borse nelle ultime due settimane ha indotto l'aumento di liquidità precauzionale, salita al 4.7% degli AUM. Il 60% dei gestori indica inflazione e tassi di interesse come causa di un possibile crash, con l'allocazione in reddito fisso...(segue)
Il destino dell'Eur/Usd nelle mani delle banche centrali
di Gaetano Evangelista - 13/02/2018
Mai come in questi ultimi anni l'andamento del cambio più osservato del pianeta, dipende dall'operato delle due banche centrali "atlantiche". È vero che la Fed ha smesso da ottobre 2014 di stampare dollari, e da ottobre dello scorso anno sta riducendo le dimensioni del suo bilancio; ma ciò non ha avuto alcun effetto sul cambio del dollaro, malgrado dall'altro lato...(segue)
I fondi speculativi sono long sulla volatilità
di Bernie Schaeffer - 13/02/2018
Per capire dove stiamo andando, è importante elaborare una teoria sui fattori che hanno prodotto il ribasso del mercato azionario della settimana passata. Lo S&P500, certo, ha risentito di una condizione di ipercomprato, che però perdurava da settimane. Una certa rilevanza l'hanno avuta le basi delle opzioni put sullo SPY, sotto i livelli vigenti, che hanno agito da calamita per...(segue)
Come comportarsi con le Scandy Currencies
di redazione Forex - 12/02/2018
UsdNok prosegue nella sua marcia ribassista all’interno del canale che da due anni guida il cambio. Trovato il sostegno della trend line che unisce i minimi decrescenti UsdNok ora potrebbe rimbalzare fino a 8.50 dove troverà una solida area di resistenza. Area 7.30 rappresenterà invece l’ostacolo più arduo per una Corona Norvegese che sotto quella soglia avrebbe campo aperto.(segue)
Il ribasso ha reso il mercato azionario più conveniente
di Alvin A. River - 12/02/2018
I multipli di borsa non sono mai le cause scatenanti di un ribasso; né di un rialzo, se è per questo. Occorre sempre un catalizzatore, che nel recente sell-off è stato identificato nella prospettiva di un rialzo violento dei tassi di interesse scatenato dalla possibilità di una crescita incontrollata dell'inflazione. La buona notizia è che il ribasso ha migliorato il profilo fondamentale...(segue)
Come guadagnare con rendimenti negativi
di Gaetano Evangelista - 09/02/2018
Il rendimento medio semplice dei bond governativi decennali di Germania, Svizzera e Giappone, si attesta correntemente ad 1/3 di punto percentuale. Ma, tuttora ci sono al mondo bond dal rendimento negativo dal valore superiore ai 7.1 trilioni di dollari! Benché si tratti di quasi la metà rispetto ai 12.2 trilioni di bond dal rendimento negativo in essere a metà 2016...(segue)
Usare il dollaro per prevedere le commodity?
di Gaetano Evangelista - 08/02/2018
Come sanno gli emuli di Iginio Massari, non tutte le ciambelle riescono col buco. Relazioni consolidate si sbriciolano miseramente, correlazioni intermarket sono messe in discussione, con i poveri investitori che si muovono sempre più disorientati. Prendiamo un confronto consolidato: quello fra dollaro e materie prime. Poiché quasi tutte le commodity sono tradizionalmente...(segue)
I beneficiari dell'avversione nei confronti dei Treasury
di Alvin A. River - 08/02/2018
Le incertezze sullo spostamento del tetto del debito federale, il surriscaldamento del mercato del lavoro con conseguente rischio di fiammate inflazionistiche e l'accelerazione della ripresa economica; hanno imposto negli Stati Uniti una brusca caduta del mercato obbligazionario locale. I rendimenti del Decennale ormai flirtano con la soglia del 3%. Ne hanno beneficiato...(segue)
Meglio ripararsi con un ottimo ETF obbligazionario
di redazione Forex - 07/02/2018
A dicembre avevamo analizzato un ETF che replicava il mercato obbligazionario cosiddetto unhedged, ovvero aperto al rischio di cambio. Questa volta andiamo sul mercato obbligazionario aggregate (governativi + corporate) hedged Eur, ovvero senza rischio di cambio per l’investitore europeo. Una premessa: il differenziale tassi Stati Uniti – Europa rende la copertura del rischio...(segue)
Temporeggiare, prima di concedersi al "Buy on dips"
di Bernie Schaeffer - 07/02/2018
Per la prima volta dopo 18 sedute, l'RSI a 14 giorni sullo S&P ha abbandonato una condizione di ipercomprato, scendendo sotto l'asticella dei 70 punti. Perfettamente replicata l'esperienza di fine 1996; anche per l'operato della banca centrale: il giorno successivo a quella stringa, l'allora Chairman Greenspan ammonì: «ci sono due bolle, quella del mercato azionario, e...(segue)
I BTP rendono ancora troppo poco
di Gaetano Evangelista - 06/02/2018
I globali timori di surriscaldamento dell'inflazione non toccano più di tanto l'Europa e tanto più l'Italia, ove i prezzi al consumo restano - più che tiepidi - gelidi: secondo l'OCSE il Consumer Price Index a gennaio si attesta ad una variazione annuale del +0.74%: in calo, rispetto al +1.87% di aprile 2017, ai livelli più bassi degli ultimi 13 mesi. Se l'inflazione è la via per ridurre...(segue)
Un'idea di investimento in Norvegia
di Alvin A. River - 06/02/2018
La Norvegia ha visto il prodotto interno lordo espandersi del 3.2% nei quattro trimestri terminati lo scorso 30 settembre, grazie anche al buon andamento del petrolio; penalizzante nel 2015, al punto da costringere la banca centrale locale ad un politica monetaria decisamente accomodante. Ciò ha depresso la corona norvegese (NOK), penalizzata malgrado una vistosa ripresa...(segue)