20 luglio 2018
Diventa SmartTrader Abbonati
Accesso riservato
  Recupera dati accesso
Login login
Clippings menù
  Per inserire un articolo cliccare sull'icona Clipping accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
Clip login
Gli articoli più letti:
febbraio 2018 gennaio 2018 dicembre 2017
L'impiego del CESI nell'allocazione di portafoglio
di redazione - 12/06/2018
«I mercati finanziari non sono condizionati dalle notizie "buone" o "cattive". L'importante è che siano "migliori" o "peggiori": rispetto alle precedenti aspettative degli economisti. Si ottengono così indicatori che misurano costantemente la capacità di far meglio o peggio delle previsioni. Questi indici si rivelano utilissimi nell'allocazione del portafoglio azionario».
 
Azionario > Wall Street
L'ottimismo dei trader contiene Wall Street
di Bernie Schaeffer* - 26/06/2018

È una fase di mercato ancora dominata dalle notizie esterne: che si tratti dei dazi imposti o minacciati da Trump sui partner commerciali, della decisione della Corte Suprema americana di consentire ai singoli stati la previsione di imposte sulle transazioni online, del superamento degli stress test da parte delle banche americane, o della decisione dell'OPEC di rivedere le quote di output. Nel complesso il mercato azionario appare tuttora fragile, come tipicamente accade subito dopo le riunioni del FOMC che si concludono con l'aumento dei tassi di interesse: uno schema in essere ininterrottamente dal primo rincaro datato dicembre 2015.
Le small cap, rappresentate dall'indice Russell 2000 (RUT) sono riuscite a conseguire un nuovo massimo storico, trovando resistenza in prossimità dei 1700 punti. Al momento il RUT quota di un 10% oltre la chiusura del 2017: un livello che può attivare le prese di beneficio, specie tenuto conto del conseguito apprezzamento del 20% rispetto a dodici mesi fa. Ciò malgrado, resto dell'idea che le small cap siano da preferire alle large cap. Senza considerare che lo scoperto sta svoltando verso il basso dopo essere salito per diversi mesi, con le ricoperture che dovrebbero alimentare ulteriori impulsi verso l'alto.


Nel frattempo il put/call ratio azionario è tornato a scendere, e si attesta ai minimi di gennaio. L'ottimismo dilagante fra i piccoli investitori rende il mercato nel complesso vulnerabile a ripiegamenti.


* Todd Salamone per Schaefferresearch.com


Per favore, dai un voto a questo articolo:
Eccellente Buono Sufficiente Mediocre Scarso
Vuoi essere informato sull'uscita di nuovi commenti su smartTrading?
Clicca qui: riceverai tutti i giorni, gratuitamente, l'analisi tecnica dell'indice Mibtel e il sommario delle analisi postate su sT.