23 giugno 2018
Diventa SmartTrader Abbonati
Accesso riservato
  Recupera dati accesso
Login login
Clippings menù
  Per inserire un articolo cliccare sull'icona Clipping accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
Clip login
Gli articoli più letti:
febbraio 2018 gennaio 2018 dicembre 2017
Un parallelo infausto
di Alvin A. River - 11/04/2018
Nelle ultime settimane si è acceso il dibattito circa la tenuta dei supporti sulla borsa americana. L'indice S&P 500 ha prima penetrato la media mobile semplice a 200 giorni, poi quella esponenziale; ma, a ben vedere, le rotture si sono rivelate sempre marginali, e prontamente riassorbite. E questa è una fortuna, perché perdere quei livelli rafforzerebbe un parallelo storico...
 
Azionario > Pianeta America
Freaky Friday a Wall Street
di Gaetano Evangelista - 15/02/2018

Di tanto in tanto danno in TV un film di una quindicina di anni fa, in cui una ancora deliziosa Lindsay Lohan si sostituisce in personalità alla attempata e posata genitrice, che d’un tratto diventa scapestrata e amante del rock come succede quasi sempre ai teenager. Il tutto nell’imminenza di un matrimonio che rischia di andare all’aria. Che fine settimana turbolento!
Anche in borsa i fine settimana sovente sono problematici. Al punto che quasi si chiederebbe alle autorità di prolungare la durata della seduta di venerdì. Non potendo, le vendite dell’ultima seduta della settimana si estendono alla prima seduta dell’ottava successiva, e un venerdì negativo è seguito da un lunedì parimenti negativo.
Signori, ecco a voi il pattern Down Friday, Down Monday (DF-DD). Qualificato da una perdita particolarmente considerevole: superiore, in ambo le sedute, al punto e mezzo percentuale. Roba che non si manifesta così frequentemente…


Prima del 2-5 febbraio, il pattern in questione è stato evidentemente registrato a giugno 2016 e ad agosto 2015; evidentemente sempre in condizioni turbolente: nel primo caso, in occasione dello shock prodotto dal referendum britannico sulla permanenza nell’Unione Europea, nel secondo dal crash della borsa cinese.
E non si tratta di episodi isolati: prima degli anni recenti, un DF-DM qualificato è stato registrato ad ottobre 2011. Quando l’agenzia Standard&Poor’s per la prima volta privò gli Stati Uniti della prestigiosa “tripla A”, in seguito allo shutdown governativo conseguendo al raggiungimento del tetto del debito federale.


Il comune denominatore di questi eventi è un contesto esogeno turbolento, che rende gli investitori nervosi, ed inclini a sbarazzarsi delle azioni nel timore che sopraggiunga il peggio. Non di rado, questo pattern è seguito da “improvvise” (perlopiù, inattese) inversioni di tendenza.
Magari la condizione attuale ricorda più l’episodio di agosto 2011, quando si concretizzò un primo minimo, seguito a distanza di tempo da un test prima del rilancio definitivo del mercato. Se così fosse, dovremmo attendere ancora qualche settimana prima del rilancio di Wall Street. La buona notizia essendo che buona parte del danno sarebbe comunque alle spalle.





Per favore, dai un voto a questo articolo:
Eccellente Buono Sufficiente Mediocre Scarso
Vuoi essere informato sull'uscita di nuovi commenti su smartTrading?
Clicca qui: riceverai tutti i giorni, gratuitamente, l'analisi tecnica dell'indice Mibtel e il sommario delle analisi postate su sT.