19 novembre 2017
Diventa SmartTrader Abbonati
Accesso riservato
  Recupera dati accesso
Login login
Clippings menù
  Per inserire un articolo cliccare sull'icona Clipping accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
Clip login
Gli articoli più letti:
novembre 2017 ottobre 2017 settembre 2017
La borsa corre troppo rispetto ai fondamentali?
di Gaetano Evangelista - 10/10/2017
I detrattori sono soliti denunciare uno scollamento del mercato azionario dai fondamentali macro: come nella favola della volpe e l'uva di Esopo, ciò che è irraggiungibile è acido o poco desiderabile. Atteggiamento utile a lenire le ferite dell'ego provocato da nove anni di dissonanza cognitiva. Se infatti compossimo lo sforzo di confrontare l'andamento di...
 
Azionario > Wall Street
La Fed può favorire ulteriori rialzi dello S&P
di Bernie Schaeffer* - 30/10/2017

Con la riforma fiscale che sale in cima alle priorità della Casa Bianca, la settimana passata ha visto il mercato confermare il tono favorevole degli anni passati. Cresce nel frattempo l'attesa per la prossima riunione della Federal Reserve, prevista per mercoledì, con Trump che nei giorni immediatamente successivi annuncerà il nuovo Chairman. Le ultime voci puntano sul governatore Jerome Powell: un nome nel segno della continuità con l'attuale governatorato, in termini di aumento dei tassi, ma di rottura in termini di controllo, essendo egli a favore di una maggiore deregulation del settore finanziario.
Nel frattempo i future sui Fed funds assegnano una probabilità del 2% che il FOMC aumenti i tassi di interesse. All'opposto, la probabilità di un aumento del costo del denaro per dicembre si attesta correntemente al 98%. Vale la pena ricordare che la Fed ha agito in tal senso anche nei mesi di dicembre 2015 e 2016. Se il passato si ripeterà, gli investitori saranno grati al FOMC: durante questo ciclo restrittivo i nulla di fatto sul fronte dei tassi di interesse sono stati seguiti dalle ripartenze dello S&P500, mentre tendenzialmente la borsa ha sofferto prima e dopo le sedute in cui i tassi sono stati incrementati. Logicamente il fatto che i tassi alla fine siano stati incrementati già quattro volte, in ottica prospettica non ha fatto deragliare il Toro, con Wall Street salita del 25% da dicembre 2015 ad oggi.


Permane un potenziale di rialzo da ricoperture di posizioni corte. Lo short interest è cresciuto ulteriormente, stando al rapporto bimensile da poco pubblicato. L'evidenza è che molti siano rimasti sorpresi dal rialzo degli ultimi giorni, a fronte dell'ipercomprato di partenza. La Fed rimane una variabile imprevedibile, ma al limite può costituire soltanto un ulteriore catalizzatore benigno.

* Todd Salamone per Schaefferresearch.com




Per favore, dai un voto a questo articolo:
Eccellente Buono Sufficiente Mediocre Scarso
Vuoi essere informato sull'uscita di nuovi commenti su smartTrading?
Clicca qui: riceverai tutti i giorni, gratuitamente, l'analisi tecnica dell'indice Mibtel e il sommario delle analisi postate su sT.