12 dicembre 2017
Diventa SmartTrader Abbonati
Accesso riservato
  Recupera dati accesso
Login login
Clippings menù
  Per inserire un articolo cliccare sull'icona Clipping accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
Clip login
Gli articoli più letti:
dicembre 2017 novembre 2017 ottobre 2017
Basso rischio bolla per l'equity: il Ftse Mib farà ancora bene?
di redazione - 24/10/2017
«Penso ci sia ormai una bolla nel numero di volte che è invocata la presenza di una bolla. Trovo sia un aspetto salutare: è sano scetticismo che contribuisce alla preservazione della tendenza positiva. Nulla di nuovo: è fenomeno visto per tutti gli ultimi quasi nove anni di bull market. Da 0 a 100 la probabilità di trovarci in bolla in questo momento è 24».
 
Azionario > Pianeta America
L'effetto "prezzo alto" sulla tendenza delle azioni
di Bernie Schaeffer* - 12/10/2017

I nomi più popolari della borsa americana - Apple, Amazon, Facebook, Tesla - hanno un aspetto in comune: quotano a tripla cifra. Certo, una volta non era così. Ma da qualche anno a questa parte gli split azionari non vanno più di moda, per cui il fenomeno delle società che quotano oltre 100 dollari è dilatato. La figura in basso lo conferma: più del 13% delle società su cui sono disponibili opzioni, quota più di questa soglia; sui massimi del 2007, la proporzione non superava il 4%. Per cui ci si chiede se questa circostanza possa influire sulla tendenza futura.


A tal fine, sono risalito fino al 2012, calcolando i ritorni su base trimestrale, partendo dallo scaglione di prezzo all'inizio del quarto. Nella tabella in basso, la prima cosa che si nota è che le azioni dal prezzo più basso hanno conseguito un ritorno medio del 55% a trimestre; e non si tratta di un errore! Ovviamente, il calcolo si riferisce soltanto alle società che in seguito non sono fallite. Evidentemente, queste società scendono molto di prezzo, prima di azzerarsi; ma, di questo, lo studio non tiene conto.
La seconda osservazione è la differente volatilità fra scaglioni. Le società che quotano a singola cifra sono salite in media del 20%; quando scendono, in media lo fanno in misurta pari a più del 15%. Scendendo in basso nella tabella, dove incontriamo le società dal prezzo più elevato, si scorge come il guadagno medio o la perdita media sia di circa il 10%: per cui su questo fronte si scorge minore variabilità.
Un'ultima osservazione è che le azioni dal prezzo più elevato vantano maggiori probabilità di far registrare performance positive.


* Rocky White per Schaefferresearch.com


Per favore, dai un voto a questo articolo:
Eccellente Buono Sufficiente Mediocre Scarso
Vuoi essere informato sull'uscita di nuovi commenti su smartTrading?
Clicca qui: riceverai tutti i giorni, gratuitamente, l'analisi tecnica dell'indice Mibtel e il sommario delle analisi postate su sT.