12 dicembre 2017
Diventa SmartTrader Abbonati
Accesso riservato
  Recupera dati accesso
Login login
Clippings menù
  Per inserire un articolo cliccare sull'icona Clipping accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
Clip login
Gli articoli più letti:
dicembre 2017 novembre 2017 ottobre 2017
Basso rischio bolla per l'equity: il Ftse Mib farà ancora bene?
di redazione - 24/10/2017
«Penso ci sia ormai una bolla nel numero di volte che è invocata la presenza di una bolla. Trovo sia un aspetto salutare: è sano scetticismo che contribuisce alla preservazione della tendenza positiva. Nulla di nuovo: è fenomeno visto per tutti gli ultimi quasi nove anni di bull market. Da 0 a 100 la probabilità di trovarci in bolla in questo momento è 24».
 
Azionario > Wall Street
Il Nasdaq supera quota 6.000: paura?
di Bernie Schaeffer* - 04/05/2017

Il Nasdaq ha superato da pochi giorni i 6.000 punti, per la prima volta nella storia. Il Dow Jones tende sempre a faticare, dopo essersi prodotto nel superamento delle cifre millenarie, come ho già mostrato in precedenza. Per cui ho esaminato se questo comportamento si manifesti anche con riferimento al Composite.
Risale al 1995 la prima volta in cui il Nasdaq superò quota 1.000 punti. Mi sono soffermato dunque su tutti i superamenti delle cifre millenarie, dopo esservi stato sotto per almeno un mese. La teoria è che questi attraversamenti provochino smarrimento perché separano idealmente il buon mercato dal costoso. Nello specifico ho individuato 20 rilevazioni. Rispetto alle performance tipiche, i risultati registrati sembrano confermare la teoria: dopo il primo mese, il Nasdaq tende a sottoperformare, sia in termini di saldi medi, sia in termini di frequenza benigna. Ad esempio, sei mesi dopo il superamento di una cifra millenaria, il Composite ha messo a segno una performance media del +0.28%, salendo in appena il 55% dei casi; questo dato si confronta rispettivamente con un +6.07%, e il 70%.


Questi risultati però possono essere distorti da alcune rilevazioni particolarmente negative, registrate durante il crollo del 2000-2002. Se partissimo dal 2003, i ritorni medi risulterebbero soltanto lievemente peggiori del tipico, con una percentuale di casi favorevoli migliore della norma. Sulla base di questa argomentazione, direi che non dovremmo preoccuparci troppo per il recente superamento dei 6.000 punti.



Per favore, dai un voto a questo articolo:
Eccellente Buono Sufficiente Mediocre Scarso
Vuoi essere informato sull'uscita di nuovi commenti su smartTrading?
Clicca qui: riceverai tutti i giorni, gratuitamente, l'analisi tecnica dell'indice Mibtel e il sommario delle analisi postate su sT.